Scuola aperta

Non solo mura. La scuola che mi piace è quella attiva e interattiva con il territorio, una scuola aperta e permeabile, h 24, ma basterebbero anche poche ore meno.

Non un parcheggio, ma un luogo esperienziale.

Un luogo dove trovare i laboratori (e le persone) per fare ricerche ed esperimenti veri per qualsiasi grado di scolarità.

La scuola non è solo liceo, ma anche elementari e medie, tanto bistrattate ma accolgono bambini per lasciare andare ragazzi, e, quindi, per definizione un cruciale passaggio di età, di sensi, di tutto.

La scuola anche per i genitori, i genitori parte attiva dell’educazione a fianco degli insegnanti perchè insegnare, essere genitori è relazione e in ogni relazione si da e si riceve e insegnare è anche imparare, aiutare a crescere significa crescere.

E il territorio, perchè le scuole non siano luoghi chiusi al sabato e alla domenica.

Probabilmente occorrerebbe investire un po’ di più sulle scuole, ma forse basterebbe attivare il terzo settore, aprire ai genitori, aprire ai ragazzi e alle attività che gravitano nei dintorni, per offrire occasioni di scambio e di crescita, crescita dei ragazzi, dei genitori, degli insegnanti, delle imprese e anche delle istituzioni.

La scuola che vorrei, il territorio che vorrei.

Autore dell'articolo: om

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.