ELLIE: una piattaforma digitale per la didattica di oggi

Voglio presentarvi una sperimentazione che è in corso da 3 anni in una scuola internazionale di Ferrara grazie all’insegnante, mamma e ideatrice della piattaforma ELLIE, Paola Cirelli.

Un progetto molto interessante che merita di essere diffuso perchè raccoglie le sfide dell’insegnamento di oggi: inclusività, gamefication, pensiero computazionale, flipped classroom, che più in generale mette lo studente al centro della didattica e  rende la didattica stessa fruibile anche al di fuori delle aule scolastiche. Inoltre, cosa per me molto importante dato che sono una mamma intrufolata nel mondo della scuola, riesce a rendere partecipi anche i genitori in un modo che non è di ingerenza ma di collaborazione.

Lascio a lei la parola.

Insegnante da 10 anni e mamma da 4, vivo e lavoro a Ferrara, la mia città natale.
La scuola nella quale insegno, un istituto internazionale, è da sempre una fonte di grande ispirazione e formazione per me: è lì che ho imparato la grande importanza di costruire percorsi di apprendimento inclusivi, in grado di affrontare con successo le grandi sfide poste da differenze linguistiche e culturali, bisogni educativi speciali e (non da ultimo) disturbi dell’apprendimento.


E’ dalla necessità di affrontare tali sfide che è nata l’idea di sviluppare uno strumento digitale open source in grado di raggiungere tutti gli alunni di ogni età, lingua e condizione sociale, e di portare l’istruzione anche a coloro che si trovano in situazioni di maggiore svantaggio o difficoltà: alunni con disturbi dell’apprendimento, autismo o altre condizioni; studenti ospedalizzati; detenuti; adulti analfabeti…
Mi dedico a questo progetto da ormai più di tre anni, sperimentando ELLIE nelle classi della mia scuola e presso l’università di Bologna, dove conduco laboratori sulle tecnologie didattiche. Con l’aiuto dei bambini e dei miei studenti-sperimentatori dell’università ho capito come strutturarla e di quali strumenti dotarla per renderla il più possibile flessibile, adattabile e personalizzabile a seconda delle esigenze di chi dovrà utilizzarla per studiare, fare i compiti, documentarsi e lavorare.
Oggi, benché sia ancora di fatto un prototipo – è costruita su una piattaforma Moodle – ELLIE è pronta per aprirsi al mondo e offrire uno spazio nel quale sviluppare e condividere idee, progetti, risorse, creatività e percorsi didattici.
La mia speranza, in questa fase, è quella di conquistare la fiducia di insegnanti, genitori, educatori e allievi, e creare una community di persone disponibili a condividere le loro idee e risorse in un ambiente in cui esse saranno d’aiuto e ispirazione a chi ne avrà necessità.
Per chi desidera vedere alcune delle possibili applicazioni, la pagina Facebook ELLIE Piattaforma Digitale ad essa dedicata, è ricca di esempi tratti da esperienze reali in classe.​

Per approfondire

pagina Facebook ELLIE Piattaforma Digitale

Autore dell'articolo: om

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.